USA, dal solare un'energia più pulita e meno costosa

USA, dal solare un'energia più pulita e meno costosa

Per gli Stati Uniti un'energia più pulita e meno costosa è possibile grazie al solare: è quanto emerge da uno studio realizzato dai ricercatori dell'Università della California, Berkeley, e pubblicato sulla rivista Environmental Science and Technology.

Secondo la ricerca che prende in considerazione la zona occidentale degli Stati Uniti, se il Dipartimento dell'Energia USA )Department of Energy, DOE) dovesse raggiungere gli obiettivi stabiliti di riduzione dei costi, nel 2050 il fotovoltaico rappresenterà un terzo del fabbisogno energetico. Il riferimento al DOE riguarda il cosiddetto SunShot, il progetto che mira a far abbassare il prezzo dei pannelli solari al livello di quello delle fonti tradizionali entro il 2020.    

Con un terzo dell'energia proveniente dal soe, il sistema elettrico a stelle e strisce sarebbe notevolmente "più pulito" riducendo drasticamente le immissioni di carbonio nell'atmosfera. I benefici di questa rivoluzione solare, tuttavia, non ricadrebbero solo sull'ambiente e quindi sulla salute degli americani, ma anche sulle loro tasche: gli scienziati ipotizzano, infatti, che il raggiungimento degli obiettivi di SUnShot permetterebbe un risparmio annuale di 20 miliardi di dollari fino al 2050.

Dan Kammen , uno degli auotori della ricercca e docente di Energia presso l'Energy and Resources Group dell'UC di Berkely, ha spiegato che la riduzione delle emissioni e l'abbattimento dei costi dell'energia sono due obiettivi che possono essere perseguiti contemporaneamente. Secondo il ricercatore, si può salvare il pianeta a un costo modesto.

28 August, 2013